L'ondata di fine vita del fotovoltaico è in arrivo: come riciclarlo

· Notizia sull'industria fotovoltaica

Attualmente, la tecnologia fotovoltaica(FV) è riconosciuta a livello mondiale come una delle tecnologie più promettenti per il cambiamento energetico e la mitigazione dei cambiamenti climatici, ed è anche una delle tecnologie più rispettose dell'ambiente tra tutte le tecnologie di generazione di energia. Dall'inizio del XXI secolo, l'Italia ha promosso gli impianti fotovoltaici attraverso l'introduzione di sussidi e normative per l'energia fotovoltaica. È passato più di un decennio, com'è l'impianto fotovoltaico che hai installato prima? Gli stili e la potenza del fotovoltaico sono sempre più aggiornati, dove dovrebbero andare quei vecchi e cattivi pannelli fotovoltaici?

energia pulita

Perché i pannelli fotovoltaici devono essere riciclati?

Negli Stati membri dell'UE, il riciclaggio dei moduli fotovoltaici è obbligatorio dal 2012 grazie alla direttiva sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) (2012/19/UE), che prevede la raccolta, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti generati da apparecchiature elettriche ed elettroniche, compresi i pannelli fotovoltaici.

In generale, i pannelli solari sono realizzati in vetro, EVA, celle, backsheet, leghe di alluminio e silicone. La cella solare è il cuore del modulo fotovoltaico e rappresenta circa il 4% della massa del modulo. I più preziosi sono l'alluminio, l'argento, il rame e il polisilicio. L'argento rappresenta circa lo 0,05% del peso totale ma il 14% del valore del materiale. Il materiale più utilizzato è il vetro, che ha un alto tasso di riciclaggio ma un valore di rivendita relativamente basso.

Rystad Energy stima che entro il 2035 l'industria del riciclo fotovoltaico sarà in grado di fornire l'8% del polisilicio, l'11% dell'alluminio, il 2% del rame e il 21% dell'argento necessari a soddisfare la domanda di materiali per i pannelli fotovoltaici installati nel 2020.

impianto fotovoltaico

Si prevede infatti che la produzione totale di rifiuti fotovoltaici in Italia passerà da poco più di 100 tonnellate nel 2015 a oltre 2.000 tonnellate nel 2030. Si può dire che il processo di raffinazione rilascia circa 4 tonnellate di anidride carbonica (CO2) per ogni tonnellata di rame ed è quindi una fonte significativa di emissioni di gas serra. Per ridurre gli sprechi energetici, il riciclaggio dei pannelli fotovoltaici a fine vita o parzialmente danneggiati è un processo molto importante, in linea con il ciclo dell'energia verde. Non solo: dal processo si può recuperare anche l'alluminio, ma anche il silicio, che può essere utilizzato come ferro-silicio in leghe di ferro e silicio o, se sufficientemente puro, questi materiali possono essere utilizzati direttamente per produrre nuovi pannelli solari.

Cosa c'è da sapere sul riciclaggio e sui costi del fotovoltaico

Il Decreto Legislativo 49/2014 ha due obiettivi principali: (1) prevenire o ridurre gli impatti negativi derivanti dalla progettazione e dalla produzione di apparecchiature elettriche ed elettroniche e dalla produzione o gestione dei rifiuti generati dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche (2) ridurre gli impatti negativi e aumentare l'uso efficiente delle risorse in conformità ai criteri elencati nel Decreto 152/2006 della Legge sull'Ambiente, al fine di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

impianto fotovoltaico

La normativa RAEE stabilisce la responsabilità dei costi di smaltimento dei pannelli fotovoltaici, che si dividono in due categorie: residenziali o professionali con potenza inferiore a 10 kW. I proprietari di pannelli residenziali prodotti dopo il 2014 devono solo contattare il produttore responsabile dello smaltimento dei moduli solari presso il centro di raccolta. Se l'impianto (installato prima del 2014) ha una potenza superiore a 10 kWp, il produttore è responsabile dello smaltimento solo se l'impianto da smaltire viene sostituito con un nuovo impianto fotovoltaico.

  • la quota di ritenuta del GSE per gli impianti residenziali (inferiori a 10 kW) e professionali è di €10 per modulo fotovoltaico a garanzia delle operazioni di smaltimento.
  • Come previsto dal decreto legislativo, è stato introdotto un nuovo orario e una nuova metodologia per l'adesione al sistema collettivo per la gestione e lo smaltimento del gruppo 118/2020. questo ha anche lo scopo di consentire la selezione degli impianti del IV e V Conto Energia. Conferma di un importo pari a €10 per modulo fotovoltaico.
impianto fotovoltaico

Forse ti starai chiedendo come si riciclano i pannelli fotovoltaici

1. I moduli fotovoltaici residenziali abbandonati devono:

  • Spedito ai centri di raccolta nazionali (più di 4000 in Italia). I cittadini può spedire i moduli usati in una piattaforma ecologica comunale.
  • Gestiti attraverso il distributore o lo sviluppatore dei moduli (ad esempio, quando si acquistano nuovi moduli, i vecchi moduli possono essere restituiti allo sviluppatore).

2. Per i pannelli commerciali dismessi, è necessario:

  • essere riciclati da un impianto autorizzato alla gestione dei rifiuti (di solito rientrano nella categoria CER 16.02.14)
  • Spedire a un impianto di trattamento autorizzato
  • Spedire in un sistema di raccolta nazionale
impianto fotovoltaico

Grazie alle tecnologie innovative disponibili, i pannelli fotovoltaici possono essere riciclati quasi al 100% al termine della loro vita utile. Il primo passo nel riciclo dei pannelli fotovoltaici è lo smontaggio: grazie alla nuova tecnologia di stratificazione, i pannelli solari possono essere efficacemente separati dai pannelli di vetro, quindi le cornici di alluminio e le scatole di giunzione possono essere separate dai pannelli e i materiali recuperati con processi chimico-fisici specifici e innovativi. In questo modo, non si sprecheranno materiali di alto valore come l'alluminio e il vetro e si recupereranno metalli preziosi.

Per raggiungere il nostro obiettivo di carbon neutrality, stiamo lavorando sodo...

Tutti i Posts
×

Quasi fatto…

Ti abbiamo appena inviato una email. Ti preghiamo di cliccare il link nella email per confermare la tua iscrizione!

OK