Comunità Energetica di Condivisione Solare in Italia

· Notizia sull'industria fotovoltaica

In un momento in cui i modelli di sharing economy stanno proliferando, le comunità di condivisione delle energie rinnovabili stanno guadagnando popolarità e si stanno avviando a diventare il modello mainstream per il futuro della distribuzione di energia elettrica residenziale. La legislazione italiana sulle comunità di energia rinnovabile entrerà in vigore nel dicembre 2020 e gli operatori di mercato stanno lavorando per creare Comunità di Energia Rinnovabile (CER) in Italia.

Le comunità delle energie rinnovabili emergono in rapida successione

La prima comunità di energia rinnovabile condivisa si trova a Magliano Alpi, una piccola città del Piemonte nord-occidentale. Questa comunità condivisa, in cui l'energia solare è la principale modalità di generazione, si basa su finanziamenti pubblici per creare una rete di energia solare per soddisfare il fabbisogno energetico di metà dei suoi residenti, con l'obiettivo finale di coprire l'intera città con elettricità pulita.

A causa delle dimensioni ridotte della città, dei pochi abitanti e della bassa densità edilizia, Magliano Alpi è la prima scelta come sito dimostrativo per una comunità condivisa per le energie rinnovabili in Italia. In tutta la città verranno installati contatori intelligenti e un sistema di gestione delle opzioni negli edifici e verrà creata una piattaforma di gestione dei flussi per monitorare il consumo energetico degli edifici.

Enostra coop, una cooperativa italiana che produce e fornisce energia sostenibile, sta realizzando due progetti di comunità energetica nel 2021 in due paesi della Sardegna, Ussaramanna e Villanovaforru. bartolomeo prevede che ogni comune costruisca un impianto fotovoltaico con una capacità di circa 40-50 kWp utilizzando fondi pubblici.

Un edificio di 48 appartamenti nella provincia settentrionale di Reggio Emilia aiuterà poi a valutare il modello di business delle comunità energetiche specifiche per l'edilizia sociale. La fase di test, che dovrebbe concludersi nel dicembre 2022, mostrerà se e come il modello implementato nella città di Scandiano possa essere replicato. Alimentare un progetto di edilizia sociale con 48 famiglie e una flotta di veicoli elettrici a noleggio. Si tratta di uno sforzo collettivo che potrebbe essere avviato già nel 2023.

Obiettivo: introduzione in tutta Europa

L'Italia ha proposto il programma "Comunità condivise per le energie rinnovabili" nel febbraio 2020 e successivamente ha annunciato incentivi a giugno, tra cui un aumento dei sussidi per gli impianti fotovoltaici e i sistemi di accumulo dal 50% al 110%, agevolazioni fiscali per gli edifici del settore privato e tariffe speciali all'interno delle comunità per spingere un maggior numero di imprese e famiglie con impianti a energia rinnovabile a partecipare. Inoltre, i comuni con una popolazione inferiore a 5.000 abitanti riceveranno un ulteriore finanziamento di 100.000 euro in costruzioni stanziato dal governo italiano, valido fino al 2024, se manifesteranno il loro interesse.

L'obiettivo del programma è quello di creare "città intelligenti" più grandi attraverso la progettazione, la creazione e la gestione di diverse comunità di energia rinnovabile condivise, fornendo una maggiore esperienza nell'uso razionale ed efficiente dell'energia, con l'obiettivo finale di estenderla in tutta Europa.

Infatti, la Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) è solo l'inizio di una partnership multi-città per la generazione condivisa di energia rinnovabile che rivoluzionerà la generazione distribuita di energia, coinvolgendo e beneficiando comuni, imprese e persone.

Ridefinire l'elettricità pulita

La condivisione della generazione di energia rinnovabile è un modello energetico trasformativo che offre una nuova visione dell'autoconsumo e dà maggiore autonomia al gruppo finale di consumatori di energia. Questo nuovo modello energetico urbano non solo stimola l'economia locale, ma contribuisce anche alla sostenibilità locale senza alcun investimento da parte dei soggetti interessati.

Se le comunità di condivisione di energia rinnovabile sono definite come un segmento di mercato, hanno certamente diversi attributi di un mercato potenziale, ovvero una grande domanda da parte dei clienti, un potenziale di crescita su scala, una sostenibilità a lungo termine e un buon ritorno sul capitale. È chiaro che le comunità di condivisione delle energie rinnovabili stanno ridefinendo l'energia pulita e che le imprese e i singoli individui possono svolgere un ruolo chiave nel migliorare il cambiamento climatico.

Maysun Solar ha sempre progettato e prodotto moduli a basso costo. Bassa attenuazione, elevata durata e alta efficienza sono le caratteristiche dei nostri prodotti; se siete interessati, contattarci per saperne di più.

Tutti i Posts
×

Quasi fatto…

Ti abbiamo appena inviato una email. Ti preghiamo di cliccare il link nella email per confermare la tua iscrizione!

OK