Applicazione di Pannelli Solari in Perovskite Nello Spazio

· Notizia sull'industria fotovoltaica

Per la prima volta, i ricercatori tedeschi hanno inviatopannelli solari di perovskite e celle solari organiche nello spazio tramite unrazzo. La cella solare ha resistito alla prova di condizioni estreme nello spazio, generando energia attraverso la luce solare diretta e la luce riflessadalla superficie terrestre. Questa ricerca è stata pubblicata su Joule pochigiorni fa, gettando le basi per future applicazioni near-Earth e potenziali missioni nello spazio profondo. 

Uno degli obiettivi della missione spaziale è ridurre alminimo il peso dell'equipaggiamento trasportato dal razzo. Sebbene gli attualipannelli solari in silicio inorganico utilizzati nelle missioni spaziali e nei satelliti siano molto efficienti, sono molto pesanti e rigidi. Come tecnologieemergenti, i pannelli solari ibridi di perovskite e le celle solari organichesono candidati ideali per applicazioni future grazie alla loro incredibile leggerezza e flessibilità. 

Applicazione di Pannelli Solari in Perovskite Nello Spazio

"In questo settore, l'importante non è l'efficienza, mal'energia elettrica prodotta da ciascuna unità di peso, che è il cosiddettofattore di potenza", ha affermato Peter Müller-Buschbaum, autore seniorpresso l'Università tecnica di Monaco di Baviera. di celle solari è 7~14mW/cm2." 

Il primo autore dell'articolo, Lennart Reb dell'Universitàtecnica di Monaco, ha dichiarato: "Se 1 chilogrammo di celle solari vienetrasferito su fogli ultrasottili, possono coprire un'area di oltre 200 metri quadrati e l'elettricità generata può soddisfare l'uso di 300 lampadine standard da 100 watt. Questa è più di 10 volte la tecnologia attuale." 

Nel giugno 2019, il razzo è stato lanciato nel nord dellaSvezia, è entrato nello spazio e ha raggiunto un'altitudine di 240 chilometri. Ipannelli solari di perovskite e le celle solari organiche sul carico utilehanno resistito con successo alle condizioni estreme del volo dei razzi, dal rombo e l'alta temperatura durante il lancio ai forti raggi ultravioletti e al vuoto ultra-alto nello spazio. "Il lancio di un razzo è un grande passo e guidare un razzo è davvero come entrare in un mondo diverso", ha dettoReb. 

Oltre a funzionare in modo efficiente nello spazio, ipannelli solari in perovskite e le celle solari organiche possono funzionareanche in condizioni di scarsa illuminazione. Quando non c'è luce diretta, le celle solari tradizionali di solito smettono di funzionare e la potenza diventa zero. Tuttavia, il team di ricerca ha scoperto che anche senza l'esposizione diretta alla luce solare, la debole luce diffusa riflessa dalla superficie terrestre può aumentare la produzione di energia dei pannelli solari in perovskite e delle celle solari organiche. 

"Questo è un buon suggerimento e conferma che questatecnologia può essere utilizzata per le cosiddette missioni nello spazio profondo,cioè inviandole nello spazio lontano dal sole, dove le celle solari standard non possono funzionare", ha affermato Müller-Buschbaum. Il futuro di questa tecnologia è davvero entusiasmante. Queste celle solari possono essere utilizzate per più missioni spaziali in futuro". 

Tutti i Posts
×

Quasi fatto…

Ti abbiamo appena inviato una email. Ti preghiamo di cliccare il link nella email per confermare la tua iscrizione!

OK